Confettura di rabarbaro

DSC_3953_small

Finalmente dopo 3 anni il rabarbaro nell’orto ha preso vigore e così, per la prima volta, ho deciso di cimentarmi nella confettura di rabarbaro. A dire la verità ero piuttosto scettico, perché ho ancora il ricordo delle caramelle al rabarbaro che mi somministrava mia nonna: erano sempre le ultime che rimanevano nel barattolo, e un motivo c’era! Infatti, a me bambino, facevano piuttosto schifo. Ho dovuto tuttavia ricredermi, perché la confettura ha un sapore delicatissimo e del tutto particolare. Se sono arrivato a “scoprire” il rabarbaro, lo devo alla mia amica canadese Barbara (non sarà un caso il nome?), che mi ha raccontato come da bambina i gambi di rabarbaro venivano raccolti e consumati crudi, previa immersione nello zucchero. Ebbene, l’ho provato anch’io e sono davvero una bontà. Attenzione, solo i gambi: le foglie infatti sono leggermente velenose, perciò evitate di mangiarle (o fumarle!).

Continua a leggere

Annunci

Confettura di fichi e mandorle, per una marmellata con frutta di stagione

DSC_2838_smallA fine settembre, uno dei frutti più golosi che si può raccogliere è il fico. L’alto contenuto zuccherino, abbinato alla percentuale ridotta di acqua, rende questo frutto particolarmente adatto alla preparazione di confetture, ottime sia per la colazione che in abbinamento ai formaggi. Il basso livello di acidità comporta l’aggiunta prudenziale di succo di limone per favorirne la conservazione ed evitare la proliferazione del botulino. L’aggiunta delle mandorle tritate non altera il sapore della confettura, ma aggiunge quella particolare consistenza dei pezzetti, assai gradevole al palato.

Continua a leggere